Dal passato ad Horteria: le bilance Berkel

Dal passato ad Horteria: le bilance Berkel cover

Horteria è un locale e un progetto di educazione alimentare innovativo. Tutte le grandi invenzioni, però, nascono da solide fondamenta e traggono ispirazione dall’insegnamento e dall’ingegno di grandi maestri.

Dopo aver posto le basi per un arredamento “su misura per noi” abbiamo scelto di circondarci anche di oggetti, materiali e colori che avessero una storia e un significato. Per questo motivo abbiamo inserito in locale due bilance Berkel.

Il nome dell’azienda olandese che produce bilance e affettatrici è appunto Berkel. Il suo fondatore e inventore, Wilhelmus Adrianus van Berkel, nel 1898 inizia a produrre affettatrici e negli anni ’20, dopo la fine della prima guerra mondiale, anche bilance.

Wilhelmus non era solo un individuo con spirito imprenditoriale, ma un macellaio che ha realizzato degli oggetti funzionali, partendo dal confronto con le diverse problematiche che ogni giorno il suo mestiere gli poneva dinnanzi. Intuendo quelli che erano i punti critici – come dover tagliare ogni giorno la carne a coltello – è riuscito a realizzare un macchinario che potesse semplificargli il lavoro, ridurre la fatica, e offrire miglior qualità al cliente. Ad oggi questi macchinari sono i più apprezzati e ricercati, per qualità dei materiali e fascino.

La Berkel nel 1993 è stata acquisita da un gruppo di imprenditori italiani e il marchio è divenuto molto famoso. La produzione è ancora oggi artigianale e la cura per il dettaglio è una delle caratteristiche più apprezzate quando si parla di questi oggetti, che oltre a svolgere un’importante funzione pratica, arredano negozi e abitazioni.

Noi di Horteria ci auguriamo di poter cogliere, come ha fatto Berkel, quelle che sono le lacune del mestiere, per poterle trasformare in punti di forza e creatività.

Nella foto di copertina: una delle nostre Berkel vintage recuperate dal passato e che ci piacciono un sacco.

Legumi non colpevoli thumb

Legumi non colpevoli

il:

Tutti i nutrizionisti li consigliano, anche a chi ha un intestino più sensibile.
Ma come facciamo a mangiarli senza preoccuparci di quella reazione che tutti noi ben conosciamo?

Continua a leggere